“Roger Beep” con PIC16F88

0

Di Angelo Lezza.

Un versatile circuito elettronico che al rilascio del PTT di un ricetrasmittitore emette una o più note di bassa frequenza a differente tonalità, indicando al corrispondente la fine della trasmissione e l’invito all’inoltro del successivo messaggio. E’ inoltre possibile settare il dispositivo in maniera tale da invertire la segnalazione acustica: inserendola all’inizio della comunicazione e non alla fine

 

Quando nei primi anni ‘80 iniziai ad utilizzare le radiotrasmittenti, interessandomi così del vasto mondo delle radiocomunicazioni e dell’etere, non era ancora molto diffuso l’utilizzo del “roger beep” di fine trasmissione e quei pochi “amatori della radio” della banda cittadina che possedevano questo curioso ed interessante dispositivo, potevano contarsi sulle dita di una mano. Infatti, non erano molti i baracchini già di fabbrica muniti del predetto congegno elettronico ad eccezione di alcune performanti radio come ad esempio i famosi Superstar 3900 e President Jackson; due ricetrasmittenti CB ancora oggi molto diffusi, apprezzati ed utilizzati dagli utenti del settore, soprattutto per le caratteristiche e le doti costruttive.
Negli anni successivi il roger beep ha però avuto una rapida diffusione probabilmente perché alcuni “radioamatori” (o amatori della radio), in quanto esseri umani e quindi tendenzialmente abituati e predisposti a dialogare in modalità “duplex”, riscontravano non poche difficoltà nelle comunicazioni in modalità “half-duplex”: modo quest’ultimo normalmente in uso nelle comunicazioni tramite radio ricetrasmittenti.
Accadeva spesso, di fatti, che novizi, o comunque utilizzatori non dotati di adeguata esperienza nelle radiocomunicazioni, non riuscissero a scandire i tempi di inizio e fine messaggio, creando tra loro evidenti problemi di comprensibilità. Prima della diffusione del roger beep – ma talvolta, in taluni casi, ancora oggi – alcuni fruitori delle comunicazioni a distanza, per risolvere le difficoltà sopra esposte, mettevano in atto un accorgimento, anzi un vero e proprio artifizio: giunti alla fine del messaggio vocale, facevano uso del termine “passo”, proprio per indicare ai relativi interlocutori la fine del proprio messaggio.

Per continuare a leggere questo articolo devi accedere al sito. Per favore accedi o registrati.
Totale 1 Voti
0

Dicci come possiamo migliorare questo articolo..

+ = Verify Human or Spambot ?

Informazioni sull'autore

Ho 47 anni, sono nato e vivo ad Agrigento, sposato con due figli. Dopo il diploma di Geometra ho continuato gli studi all'Università di Palermo dove nel 1995 ho conseguito la laurea in Architettura, indirizzo Tutela e Recupero del Patrimonio Storico Architettonico, mi sono subito abilitato all'esercizio della professione e dopo qualche anno ho anche conseguito un Master di II livello in Sistemi Informativi Territoriali. Pertanto il lavoro che svolgo e la formazione scolastica ed universitaria che possiedo non hanno un'attinenza diretta con l'elettronica! Pur tuttavia mi interesso di informatica e di elettronica sin da giovane effettuando, da autodidatta, un percorso di studi paralello a quello scolastico/universitario. Dal 2001 mi sono poi soffermato allo studio e alla programmazione dei microcontrollori Pic della Microchip. Sono radioamatore e per hobby amo trascorrere parte del mio tempo libero progettando e/o realizzando circuiti elettronici di mio interesse. Programmo correntemente i microcontrollori PIC in assembly. Ho scritto alcuni articoli di elettronica, uno di questi pubblicato sulla rivista FE n. 375/376 (chiave dtmf a 5 canali). Spero per il futuro di poter continuare a scrivere al fine di fornire alla comunità il mio piccolissimo contributo.

Nessun commento su "“Roger Beep” con PIC16F88"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.