Beacon CW per Ripetitori Radioamatoriali

1

Di Angelo Lezza.

Il circuito presentato in questo articolo assolve in modo semplice, economico ed efficiente la funzione essenziale di rendere identificabile un ponte ripetitore di segnale ad uso radioamatoriale, con l’impiego di un microcontrollore e di pochi componenti discreti.

I ripetitori radioamatoriali hanno la necessità di inviare, con cadenza ciclica, il proprio identificativo assegnato dal Ministero competente. A tal proposito ho realizzato questo beacon, facilmente collegabile a qualsiasi ripetitore, che emette un codice ciclico in cw. I valori del timer e il messaggio in codice morse sono settabili nella memoria eeprom interna al microcontrollore, per cui è possibile modificarli a piacimento, anche in fase di programmazione del chip. Il costo di realizzazione è molto modesto in quanto sono necessari pochi componenti, peraltro economici: un microcontrollore PIC16F88, un transistor NPN, un regolatore di tensione 78L05, qualche resistenza, pochi condensatori, ecc.; tutto materiale che potrebbe già trovarsi dentro i nostri cassetti! La modalità di emissione dei caratteri in CW e la lunghezza della stringa da inviare vengono impostate come di seguito si dirà.

Circuito elettronico

Il circuito elettronico è estremamente semplice. Il PIC16F628 viene impostato in modalità “oscillatore interno”, tale configurazione, seppur non riesca a dar luogo a temporizzazioni precise rispetto quella “a cristallo esterno” (in questo caso, cui la precisione del tempo di clock non è strettamente necessaria), è sicuramente la configurazione ideale perché fornisce il vantaggio di ridurre ulteriormente il numero dei componenti elettronici e i costi, semplificando ulteriormente la costruzione del circuito stesso. Osservando infatti lo schema elettrico di Figura 2, si nota, in corrispondenza dei pin 15 e 16 (OSC1 e OSC2) del Pic, l’assenza del quarzo e dei relativi condensatori a massa, altrimenti indispensabili nel caso di configurazione tradizionale col cristallo esterno.

Figura 2: – Schema elettrico circuito microcontrollore

Dal pin 8 (Rb2) del micro, attraverso il condensatore ceramico C5 di 0,1 uf e il successivo trimmer TR1 da 10 KΩ, vengono emesse ciclicamente le note in bf; si tratta di onde quadre diffuse alla frequenza di 800 hz circa, scandite in funzione dei vari caratteri in codice morse da inviare.

Per continuare a leggere questo articolo devi accedere al sito. Per favore accedi o registrati.
Totale 1 Voti
0

Dicci come possiamo migliorare questo articolo..

+ = Verify Human or Spambot ?

Informazioni sull'autore

Ho 47 anni, sono nato e vivo ad Agrigento, sposato con due figli. Dopo il diploma di Geometra ho continuato gli studi all'Università di Palermo dove nel 1995 ho conseguito la laurea in Architettura, indirizzo Tutela e Recupero del Patrimonio Storico Architettonico, mi sono subito abilitato all'esercizio della professione e dopo qualche anno ho anche conseguito un Master di II livello in Sistemi Informativi Territoriali. Pertanto il lavoro che svolgo e la formazione scolastica ed universitaria che possiedo non hanno un'attinenza diretta con l'elettronica! Pur tuttavia mi interesso di informatica e di elettronica sin da giovane effettuando, da autodidatta, un percorso di studi paralello a quello scolastico/universitario. Dal 2001 mi sono poi soffermato allo studio e alla programmazione dei microcontrollori Pic della Microchip. Sono radioamatore e per hobby amo trascorrere parte del mio tempo libero progettando e/o realizzando circuiti elettronici di mio interesse. Programmo correntemente i microcontrollori PIC in assembly. Ho scritto alcuni articoli di elettronica, uno di questi pubblicato sulla rivista FE n. 375/376 (chiave dtmf a 5 canali). Spero per il futuro di poter continuare a scrivere al fine di fornire alla comunità il mio piccolissimo contributo.

1 commento su "Beacon CW per Ripetitori Radioamatoriali"

  1. Provato il circuito, dopo avere trovato errore sullo stampato, e funge veramente bene, con facilita di programmazione messaggio da trasmettere. Disponibile il segnale bassa frequenza, reg in ampiezza ma anche l’impulso che può pilotare oltre il.led un relè per fare vero cw e non cw modulato.
    Malgrado tutto io lo vorrei usare come generatore BEACON,
    Purtroppo per come è congegnato il prg non e completamente adatto a soddisfare la richiesta!!!Purtroppo non sapendo mettere mano al prg per alcuni cambiamenti lo teniamo cosi.
    Complimenti al.progettista software mio collega radioamatore, per essere riuscito.con pochissimi pezzi realizzare cio’ che noi vecchietti realizzammo con un microprocessore 8748 ( memoria a bordo) e con consumi 20 volte quanto lo 16f88.
    Grazie per l’opportunità che mi ha dato Angelo e mi auguro faccia ancora molti altri gadget molto utili a noi OM tutti, e in primis un Accordatore automatico pef hf ma non a relè ma con motori passo passo e 3 componenti.
    73 i1nai adriano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.